Giovani e droga, al via dall’Istituto San Giuseppe di Pagani la campagna di sensibilizzazione

A settembre attivo uno sportello contro la dispersione scolastica

Stando ad una recente ricerca, un giovane su cinque riferisce di aver assunto una sostanza illecita almeno una volta. Nasce così l’idea di promuovere un ciclo di incontri nelle scuole del territorio per sensibilizzare gli studenti sui rischi legati all’assunzione di sostanze stupefacenti. Il primo appuntamento si è svolto questa mattina all’Istituto Paritario San Giuseppe di via Matteotti a Pagani. Davanti ad una folta platea di ragazzi, dirigenti della scuola ed esperti del terzo settore hanno approfondito il tema del rapporto tra droga ed adolescenti illustrando casi pratici ed analizzando le ragioni che spingono i più giovani a ricorrere alle droghe. Nel corso dell’incontro, organizzato dall’Associazione Nazionale No AIDS e moderato dalla giornalista Aurora Torre, è stato consegnato agli studenti un opuscolo informativo intitolato “La verità sulla droga”. “In quanto operatori del settore della formazione non potevamo sottrarci ad aderire a questo evento e a fornire il nostro apporto per monitorare con attenzione il fenomeno dell’uso di droghe tra i giovanissimi – ha spiegato Roberta Langella, dirigente della scuola – In base alla nostra esperienza, in una zona geografica particolarmente colpita da queste problematiche, ci teniamo ad evidenziare la stretta connessione tra dispersione scolastica, che intendiamo fortemente combattere con la nostra azione, e stili di vita dei giovani improntati alle dipendenze. Dobbiamo aiutare i giovani a credere in se stessi e restituire loro una speranza di realizzazione umana e lavorativa.” Dello stesso avviso il preside dell’Istituto San Giuseppe, Vincenzo Forino: “I ragazzi devono credere fortemente nelle proprie capacità, sapersi ascoltare e non farsi guidare da falsi idoli.” Giuseppe Barone, presidente dell’Associazione Nazionale No Aids, per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica ha lanciato l’idea di istituire entro la fine di quest’anno uno sportello dedicato: “Iniziative come quelle di oggi ci consentono di sensibilizzare un numero più alto possibile di studenti. Il tema della droga va affrontato e contrastato quotidianamente e non soltanto in un’occasione particolare. Per contrastare il fenomeno della dispersione scolastica abbiamo pensato di attivare uno sportello, un centro di ascolto e intervento che supporterà tanti giovani del territorio.” All’incontro hanno partecipato anche Carmen Guarino, direttore generale centri Rete Solidale, che ha raccontato agli studenti la sua esperienza nel terzo settore e volontariato invitandoli a “tirar fuori i loro talenti effettuando scelte libere e consapevoli”, Sandro Matini, responsabile fondazione “Un Mondo libero dalle Droghe”, e Massimo Esposito, coordinatore fondazione “Un Mondo libero dalle Droghe”.

In occasione dell’incontro di questa mattina, è partita anche la raccolta solidale di generi alimentari per le famiglie più bisognose della città di Pagani.

Ufficio Stampa