INDUSTRIA 4.0

Investire in formazione è il primo passo da fare per vincere la sfida della quarta rivoluzione industriale

COSA CI ASPETTA

Grazie alle nuove frontiere del digitale, Industria 4.0 mira ad integrare le tecnologie che nell’industria 3.0 venivano adottate singolarmente.

Integrazione di sistemi, realtà aumentata e cybersecurity sono solo alcuni dei temi richiesti dalle aziende per approcciare la nuova rivoluzione industriale, la cosiddetta Industry 4.0, che determinerà la totale automazione ed interconnessione delle produzioni.

Le nuove tecnologie digitali avranno un impatto profondo nell’ambito di direttrici di sviluppo quali il Data Driven Innovation, l’interazione tra uomo e macchina e la
digitalizzazione del processo produttivo. La sfida per l’azienda dei prossimi anni non sarà solo tecnologica: i macchinari svolgeranno mansioni manuali e ripetitive, ma dietro di queste ci sarà sempre l’uomo; a cambiare saranno le competenze che ogni lavoratore dovrà possedere per far funzionare le macchine e per governare la nuova trasformazione digitale.

E’, quindi, utile formare i manager rispetto ai tre assi fondamentali per lo sviluppo dell’Industria 4.0 (tecnologie, competenze, organizzazione del lavoro) e sensibilizzare gli imprenditori, dando un’informazione di base corretta.

PERCHÈ SCEGLIERE LA
FORMAZIONE INDUSTRIA 4.0

La rivoluzione tecnologica digitale delle imprese, per produrre risultati concreti, deve essere accompagnata da un forte investimento sulle competenze e sull’aggiornamento professionale. Essa è accompagnata dalla nascita di nuove tecnologie abilitanti.

  • Advanced Manufacturing Solutions Robot collaborativi interconnessi e rapidamente programmabili
  • Additive Manufacturing Stampanti in 3D connesse a software di sviluppo digitale
  • Augmented Reality Realtà aumentata a supporto dei proessi porduttivi
  • Simulation Simulazione tra macchine interconnesse per ottimizzare i processi
  • Horizontal/Vertical Integration Integrazione informazioni lungo la catena del valore dal fornitore al consumatore
  • Industrial Internet Comunicazione multidirezionale tra processi produttivi e prodotti
  • Cloud Gestione di elevata quantità di dati su sistemi aperti
  • Cyber Security Sicurezza duramte le operazioni in rete e su sistemi aperti
  • Big Data and Analytics Sicurezza duramte le operazioni in rete e su sistemi aperti

La nascita e la declinazione di tali tecnologie genera ovviamente dei benefici c.d. “attesi”. Tra tutti, i più importanti sono:

  • Flessibilità Maggiore flessibilità attraverso la produzione di piccoli lotti ai costi della grande scala
  • Velocità Maggiore velocità dal prototipo alla produzione in serie attraverso tecnologie innovative
  • Produttività Maggiore produttività attraverso minori tempi di set-up, riduzione errori e fermi
  • Qualità Maggiore qualità e minori scarti mediante sensori che monitorano la produzione
  • Competitività Prodotto Maggiore competitività del prodotto grazie a maggiori funzionalità derivanti dall’internet delle cose

OBIETTIVI DEL PROGETTO

Attraverso lo studio delle caratteristiche strutturali e le dinamiche interne ed esterne all’organizzazione approcciamo la fase d’identificazione dei bisogni formativi Industry 4.0 mediante la conduzione di colloqui che tengano conto dei bisogni espressi in termini di conoscenze e competenze da implementare e del sistema di attese reciproche tra organizzazione e persone che la compongono.

Alla conclusione della raccolta del fabbisogno formativo, strutturiamo l’articolazione del progetto in sinergia con la valutazione delle opportunità presenti sul mercato.

DESTINATARI

Possono accedere all’agevolazione i soggetti titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico, dalle dimensioni, dal regime contabile adottato e dalle modalità di determinazione del reddito ai fini fiscali.

La percentuale del credito di imposta richiedibile varia dal 30% al 50% in base alle dimensioni dell’impresa, unico elemento di differenza, come di seguito elencato.

  • 50% per le piccole imprese: limite spesa annuale 300mila euro;
  • 40% per le medie imprese: limite spesa annuale 300mila euro;
  • 30% per le grandi imprese: limite spesa annuale 200mila euro.

La tabella sottostante, inoltre, permette di definire, secondo le indicazioni presenti nel piano, la dimensione dell’impresa.

IMPRESA PICCOLA IMPRESA MEDIA IMPRESA GRANDE
  • Meno di 50 dipendenti
  • Meno di 10 milioni di euro di fatturato annui e/o totale di bilancio annuo
  • Meno di 250 dipendenti
  • Meno di 50 milioni di euro di fatturato annui
  •  Meno di 43 milioni di euro di bilancio annui
  • Oltre 249 dipendenti
  • Oltre 50 milioni di euro di fatturato annui
  • Oltre 43 milioni di euro di bilancio annui
Credito di imposta del 50% Credito di imposta del 40% Credito di imposta del 30%
Fino a 300.000,00 € Fino a 250.000,00 € Fino a 250.000,00 €

BENEFICI PER L’AZIENDA

La misura del Credito d’imposta Formazione 4.0 prevista dal Piano Nazionale Industria 4.0 ha l’obiettivo di sostenere lo sviluppo tecnologico e digitale delle imprese verso quel modello di Industry 4.0 che oggi il mercato richiede con sempre maggiore forza e urgenza.

I punti di forza sono molteplici:

  • è rivolta ad una larga platea di destinatari
  • il credito è riconosciuto in percentuale variabile, fino ad un massimo del 50%
  • la formazione può essere realizzata a distanza attraverso piattaforme dedicate
  • i temi riguardano lo sviluppo tecnologico e digitale dell’organizzazione aziendale
  • riduzione del cuneo fiscale e aumento della liquidità nel periodo d’imposta successivo

Per meglio comprendere quanto sopra esposto, si propone di seguito uno schema riassuntivo.

  • A cosa serve Supportare la spesa nella formazione del personale dipendente e ridurre il gap di competenze sulle tecnologie
  • Quali vantaggi L’incentivo si riferisce alle spese relative ai costi del personale impegnato in corsi di formazione, pattuiti attraverso contratti collettivi. Il Beneficio è cumulabile con altre misure contenute nel Piano Nazionale Impresa 4.0
  • A chi si rivolge Possono accedere all’agevolazione i soggetti titolari di reddito d’impresa, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico, dalle dimensioni
  • Come si accede Automaticamente in fase di redazione del bilancio, indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi, sarà utilizzabile esclusivamente in compensazione a decorrere dal periodio di imposta successivo a quello in cui i costi sono sostenuti

ESEMPIO PRATICO

Un’azienda con 30 dipendenti, di cui 10 impiegati e 20 operai potrà attivare un percorso formativo 4.0 che interessi sia l’area amministrativa sia l’area produttiva. Procediamo con una semplice proiezione economica. L’azienda decide di coinvolgere nel piano formativo 5 impiegati e 15 operai. Considerando come costo orario medio lordo una somma pari a 15 € l’ora e un percorso formativo di complessive 150 ore (100 ore per gli impiegati e 50 per gli operai) avremo: 20 dipendenti x 15 € x 150 ore = 45.000,00 €

Essendo l’azienda una piccola impresa potrà richiedere un credito pari al 50% quindi 22.500,00 € da presentare a compensazione per il 2021.

E’ in questi casi che si manifestano tutte le opportunità e le potenzialità intrinseche della misura a sostegno delle imprese e la realtà in cui oggi ci troviamo catapultati può e deve rappresentare l’opportunità attraverso cui le nostre aziende possono fare quel balzo in avanti verso una maggiore competitività nazionale. La chiave di volta, come sempre, è investire nella formazione del nostro personale, preparandolo alle sfide che si presenteranno nel prossimo futuro.

IL CREDITO D’IMPOSTA

Per ottenere il credito di imposta è necessario che:

  • il corso venga svolto da un ente di formazione accreditato che produca a conclusione del corso una perizia tecnica
  • ai fini della c.d. “portabilità” delle conoscenze e delle competenze acquisite, che con apposita dichiarazione resa dal legale rappresentante dell’impresa sia rilasciata a ciascun dipendente l’attestazione dell’effettiva partecipazione alle attività formative agevolabili
  • tutta la documentazione prodotta venga controfirmata da un revisore contabile.

È, inoltre, indispensabile produrre all’Ente di Formazione:

  • Visura Camerale
  • Documento d’identità e codice fiscale del Legale Rappresentante
  • Quadro dipendenti (anche part-time, stagionali e/o apprendisti) con relativo costo orario giornaliero
  • Copie documenti d’identità e codice fiscale dei dipendenti impegnati sulle attività di formazione
  • Costo medio orario lordo dei dipendenti e relativa mansione, in modo da individuare il corso più adatto da attribuire a ciascuna professionalità

PERCHÈ SCEGLIERCI

La Scuola di Alta Formazione Salvatore Peluso è in grado di affiancarti in questo progetto, offrendo una soluzione adatta ad ottimizzare tempi e costi delle procedure relative alla formazione. È in grado di garantire alle aziende la migliore offerta formativa per i propri dipendenti, proponendo un ampio ventaglio di corsi che coprono diversi ambiti dell’attività di pressoché tutte le realtà imprenditoriali.

Il servizio comprende la valutazione del fabbisogno formativo, l’erogazione dei corsi di formazione Industry 4.0, la gestione e il monitoraggio delle attività, il supporto per l’ottenimento del credito d’imposta per la formazione 4.0.

Tra i nostri corsi, sono attivi:

  • Big Data & Analisi dei Dati
  • CLOUD & FogComputing
  • Cyber Security
  • Internet delle Cose e delle Macchine
  • Integrazione Digitale dei processi aziendali
  • Altri in fase di attivazione

CONTATTACI

Per qualsiasi informazione

    inviando il seguente modulo dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy